Interpellanze e risposte della giunta Settembre 2018

Postiamo le risposte alle nostre interpellanze presentate durante il consiglio comunale del 26 Settembre u.s.

Interpellanza sulla gestione della Don Milani intervento di Francesco Cavallone:

Premesso che è intenzione del Comune di Opera procedere alla ristrutturazione della scuola materna Don Milani, nel corso dell’ultima campagna elettorale l’Amministrazione Comunale ha palesato la possibilità di intervenire sui locali della ex ASL al fine di ivi collocare temporaneamente una parte degli alunni della Don Milani . Da ultimo l’attuale vice Sindaco scriveva il primo giugno 2018 sul proprio profilo personale Facebook quanto segue: “scuola materna Don Milani . Grazie all’interessamento della dirigenza scolastica, delle famiglie e di privati interessati all’utilizzo futuro dello stabile ex ASL è stata trovata la soluzione per il trasferimento dei bambini durante i lavori di ristrutturazione ed ampliamento della scuola Don Milani . Quattro classi saranno trasferite nei locali ex ASL adeguatamente ristrutturati e messa a norma. Le rimanenti cinque classi occuperanno un’ala della scuola elementare Gianni Rodari preparati per accogliere i bambini . I lavori inizieranno nel 2019 e non quest’anno come inizialmente previsto”
Ad oggi però non risultano atti amministrativi relazione ai lavori da espletarsi presso i locali della vecchia ASL, né è stato chiarito dall’Amministrazione quali siano i costi attesi per tale intervento, né quale sia la destinazione futura della struttura una volta che gli alunni saranno tornati alla Don Milani .
Tutto ciò premesso il gruppo consiliare Lista Civica Insieme chiede di sapere:

1)se sia ancora intenzione dell’Amministrazione procedere alla ristrutturazione della ex ASL ? Quali siano i tempi e i costi attesi nonché la futura destinazione dei locali in questione?
2)Quali siano i privati interessati all’utilizzo futuro dello stabile? Di cosa si occupino e in quale percentuale e importo in denaro vogliano contribuire alla ristrutturazione del locale ex ASL?
3)Quali siano i tempi attesi per ciascun intervento relativo alla ristrutturazione della ex ASL e della Don Milani ?
Si chiede risposta scritta entro 30 giorni ed inserimento nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale

Risposta Giunta – DonMilani

Interpellanza Poligono a Opera intervento di Alessandro Virgilio:

Premesso che con delibera di giunta 57 del 16 marzo 2018, quest’ultima ha approvato lo schema di convenzione relativa alla chiusura di un Portico e alla realizzazione di un Poligono di tiro interrato all’interno dell’immobile sito in Opera via IV Novembre numero 10. Che la richiesta volta alla realizzazione del predetto intervento è stata presentata dal legale rappresentante della società immobiliare Sant’Andrea srl, agenzia immobiliare che si occupa della commercializzazione di immobili di pregio all’interno del territorio milanese. Ritenuto che , la realizzazione di un poligono di tiro privato è evenienza che merita particolare attenzione specie all’ interno di un Comune ove è ubicato un istituto Penitenziario che ospita detenuti in regime di 41 bis. E non sono io a dovervi ricordare ad esempio che i detenuti in 41 bis non possono rimanere all’interno della struttura dove sono detenuti per più di 5-10 anni perché si presume che l’organizzazione di cui fanno parte sia nella condizione, in quel lasso di tempo, di minacciare i secondini piuttosto che corrompere piuttosto che tutta una serie di attività attorno al carcere stesso, polizia penitenziaria….quello che vogliamo….. e avere contatti r riuscire ad avere contatti con costoro. La domanda che ha dato origine allo schema di convenzione approvata dalla giunta non può certamente imputarsi alla società immobiliare Sant’Andrea srl non costituendo un poligono di tiro privato una delle caratteristiche Comunemente richieste ai fini della compravendita di un immobile come quello oggetto del provvedimento in esame . Cioè non è che nella stragrande maggioranza degli annunci per ville con giardino una delle richieste più effettuate dai privati che intendono acquistare sia se vi sia un poligono o meno ….. cioè prima la piscina e poi il poligono … è
quantomeno inusuale una domanda di questo tipo. L’interesse alla realizzazione del poligono di tiro pertanto deve essere ricondotto unicamente ad un soggetto terzo un soggetto in procinto di acquisire l’immobile stesso che allo stato non ha voluto palesarsi ed è disposto ad investire un ingente somma di denaro a tal fine. Perché comunque un’opera piuttosto onerosa dagli schemi che abbiamo visto allegati alla delibera in cui avete approvato appunto la convenzione .
Tutto ciò premesso il gruppo consiliare Lista Civica Insieme chiede di sapere:

1) le ragioni sulla base delle quali la giunta ha deciso di approvare il suddetto schema di convenzione .
2) se non ritenga l’Amministrazione preoccupante la realizzazione di tale opera all’interno del Comune ,
3) se siano note all’Amministrazione le generalità del soggetto per conto del quale l’immobiliare ha richiesto la realizzazione del poligono e del tipo di utilizzo che ne intende fare tale soggetto,
4) se i lavori di realizzazione del poligono siano già conclusi partiti o quantomeno quali siano i tempi attesi per la sua costruzione.
5) quali misure intenda affrontare l’Amministrazione Comunale per il tramite della polizia locale o di concerto con le altre forze di pubblica sicurezza al fine di monitorare l’utilizzo del poligono di cui trattasi.
Si richiede risposta scritta entro 30 giorni e inserimento nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Risposta Giunta – Poligono

Interpellanza Polizza Fideussoria intervento di Marisa Donazzan

Premesso che: il 19 dicembre 2016 Il Comune ha liquidato al raggruppamento temporaneo di imprese tra la società Eco costruzioni SRL e la società Ema prefabbricati di Mascazzini Giuseppe srl , per l’affidamento della progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di prima
fase del palazzetto dello sport l’importo di € 520.445,64; a fronte della consegna della polizza fideiussoria n 20 46.00 27.27 997 06 012 emessa da Sace BT Spa; con determinazione n 386 del 8 /9 /2017 si è provveduto alla risoluzione del contratto intercorso tra il Comune di Opera e il suo esposto raggruppamento temporaneo di imprese. La direzione lavori ha redatto lo stato di consistenza trasmesso con nota protocollo 25817 del 13-12-2017 dei lavori effettuati fino alla data della risoluzione contrattuale quantificando il valore in € 44.197,58 . L’Amministrazione ha reiteratamente richiesto con nota protocollo numero 26366 del 19/12/2017, nota protocollo numero 907 del 11/ 1 /2018 e ultimo sollecito del 21 /2 /2018 protocollo 4584 alla società Sace BT Spa l’escussione della polizza fideiussoria numero 20460 02 727 997 060 12 per l’importo di € 476.248,06, € 520.445,64 , € 44.197,58 a restituzione della quota parte della anticipazione non assorbita dai lavori eseguiti alla data di risoluzione. La società Sace BTSpa con nota protocollo numero 267 29 del 27 /12 /2017, protocollo numero 732 del 10 /1/ 2018 e protocollo numero 45 69 del 21 /02 /2018 ha comunicato di sospendere l’istruttoria della pratica in quanto la società Eco Costruzione avrebbe loro comunicato l’intenzione di procedere con un eventuale ricorso per accertamento tecnico preventivo sullo stato di consistenza delle opere eseguite. Con deliberazione di giunta numero 58 del 16 marzo 2018, quest’ultima deliberava di promuovere un ricorso per decreto ingiuntivo nei confronti della società Sace BT Spa ai fini dell’escussione della polizza fideiussoria dando mandato al capo settore Urbanistica edilizia lavori pubblici ambiente di incaricare per motivi espressi in premessa un legale per l’assistenza
in relazione al ricorso in argomento .
Tutto ciò premesso il gruppo consiliare Lista Civica Insieme chiede di sapere :

1) a che punto sia la procedura finalizzata all’escussione della polizza fideiussoria e quindi se il Comune abbia già ottenuto la rifusione dell’importo di € 476.248,06.
2) in caso contrario quali siano le prospettive di recupero della su esposta somma e quali correttivi individuati al fine dell’integrale copertura della realizzazione del Palazzetto dello Sport .
In aggiunta a quanto sopra e per le ragioni di cui alla presente interpellanza si chiede la consegna di un prospetto aggiornato delle fonti di finanziamento dell’opera nonché il relativo cronoprogramma .
Si chiede risposta scritta entro 30 giorni e l’inserimento nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale

Risposta Giunta  – Polizza

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.